Knowledge in Psychiatry Journal trasforma il muro di conoscenza in una rete di scambi, dinamica ma costruttiva, flessibile ma con basi scientifiche solide, per una visione della Psichiatria a 360 gradi.

Novità in Psichiatria

Esperienza e condivisione sono alla base della conoscenza. Per questo motivo nasce Knowledge in Psychiatry Journal. Con tante novità che abbiamo preparato per il 2019!

Rivista Scientifica

Un aggiornamento puntuale sui temi della salute mentale e delle patologie del sistema nervoso centrale con la firma autorevole di un Board editoriale e i contributi di colleghi professionisti.

Paziente al Centro

Strumenti innovativi in grado di migliorare concretamente la qualità di vita, l’assistenza terapeutica e l’outcome dei pazienti, più in generale la salute delle persone.

Knowledge In Psychiatry Journal

La Psichiatria del passato ha qualcosa da insegnare al presente ma, in realtà, in questa disciplina non tutte le novità rappresentano un mattone che innalza il muro della conoscenza. Anzi, di tanto in tanto la Psichiatria subisce sistematicamente un ribaltamento totale della conoscenza, facendo crollare questo muro.

Per questo motivo nasce Knowledge in Psychiatry Journal (KIPJournal), una realtà tutta italiana che offre uno strumento di conoscenza basato sul confronto e condivisione delle proprie esperienze cliniche. Un appuntamento quadrimestrale di aggiornamento sui temi della schizofrenia e della depressione con la firma autorevole di un Board editoriale e i contributi di colleghi professionisti.

KIPJournal trasforma il muro di conoscenza in una rete di scambi, dinamica ma costruttiva, flessibile ma con basi scientifiche solide, per una visione della Psichiatria a 360 gradi.

Benvenuto nella rete e buona lettura!

Sergio De Filippis

KIP JOURNAL

L'opinione dei Colleghi

“È meno arduo salmodiare formule o sonnecchiare sui principi che cercare laboriosamente come sono fatte le cose e quale sia il metodo per servirsene. Osservare è meno facile che ragionare. È risaputo che scarse osservazioni e molti ragionamenti sono causa di errore, mentre molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità.” (Alexis Carrel, premio Nobel per la Medicina, 1934). Ben venga quindi una rivista come Knowledge in Psychiatry Journal, che, nel suo primo anno di vita, ha mantenuto l’impegno di privilegiare lo scambio di esperienze cliniche tra colleghi, integrandole con informazioni e aggiornamenti puntuali, con l’obiettivo di contribuire ad una pratica clinica sempre migliore.

Claudio Vampini

Psichiatra

“Potere apritivo di una chiave, attrattivo di un uncino” (Blaise Pascal, Pensieri). Con l’augurio che Knowledge in Psychiatry Journal possa far crescere l’intesa tra chi nei poliedrici contesti lavorativi si trova a curare pazienti tanto numerosi quanto diversi tra loro. La collaborazione a questa rivista possa quindi diventare un agile strumento per il confronto e la condivisione di strategie di cura volte alla personalizzazione dei trattamenti attraverso un sempre più meditato colloquio tra la pratica medica intesa come evidenza scientifica e come arte.

Giorgio Pigato

Psichiatra

Vorrei esprimere il motivo del mio impegno su KipJournal facendo mio un pensiero di Susanna Tamaro: “Leggere, in fondo, non vuol dire altro che creare un piccolo giardino all’interno della nostra memoria. Ogni bel libro porta qualche elemento, un’aiuola, un viale, una panchina sulla quale riposarsi quando si è stanchi. Anno dopo anno, lettura dopo lettura, il giardino si trasforma in parco e, in questo parco, può capitare di trovarci qualcun altro.”

Sergio De Filippis

Psichiatra

Knowledge in Psychiatry Journal 2020

KIP Journal: Anno IV - Uscita III
KIP Journal: Anno II - Uscita III

Arte e arteterapia, quale significato dare?

Sergio De Filippis

Arteterapia, approccio assistenziale con diverse dimensioni

Sergio De Filippis
Le recenti tendenze in psichiatria verso un approccio più olistico nel trattamento dei disturbi mentali hanno posto una crescente attenzione sui metodi psicoterapeutici come la terapia delle arti creative: sono qui riassunti i più comuni tipi di arteterapia e il loro utilizzo nella disabilità mentale.

L’arte in carcere: rieducazione e prospettive terapeutiche

Cinzia Conte, Annamaria Corallo, Giuseppe Mario Gennaro, Rita Russo
Il progetto “Arte in Libertà…oltre le sbarre”, destinato a detenuti con problematiche di salute mentale, è stato avviato con successo nel carcere di Borgo San Nicola a Lecce, con l’obiettivo di dotare di contenuti significativi le opportunità ludico-educative e di implementare la possibilità di un trattamento terapeutico non farmacologico.

Il setting terapeutico del teatro

Francesco Piccolo
Il teatro non è una questione d’arte, né di opere, produzioni e spettacoli. Il teatro è uno strumento antico e basilare trasmesso attraverso un unico dramma, il dramma della nostra esistenza, e ci aiuta a trovare la strada verso la sorgente di ciò che siamo.

L’arte terapia per i disturbi mentali in adolescenza

Antonella Giuliani, Francesco Tomassini
Utilizzando la scrittura creativa e le arti grafiche, gli operatori della clinica neuropsichiatrica Villa Von Siebenthal hanno sviluppato un progetto riabilitativo per gli adolescenti che ha permesso non solo di strutturare interventi individualizzati, ma anche di favorire il lavoro di equipe.

Danzamovimentoterapia: oltre la danza, la cura

Redazione UpValue
Alla scoperta di una disciplina che lavora sulla parte creativa e sana della persona e che può integrarsi in modo efficace nel percorso terapeutico del paziente psichiatrico.

La Divina Commedia e la Filosofia

Francesco Forte
Il testo della Divina Commedia può essere variamente interpretato e commentato ma soprattutto, a seconda dell’angolo visuale, può offrire una moltitudine di riferimenti storici, filosofici e teologici da cui partire per riflessioni e approfondimenti affascinanti anche da un punto di vista introspettivo e quindi psicologico.

Autori del Numero

Sergio De Filippis

Cinzia Conte, Annamaria Corallo, Giuseppe Mario Gennaro, Rita Russo

Francesco Piccolo

Antonella Giuliani, Francesco Tomassini

Francesco Forte